La storia di Gino

La storia di Gino e dei suoi risparmi in bolletta

A molti di noi, almeno una volta nella vita, sarà capitato di pagare più del richiesto un oggetto o un servizio, per una ragione o per l’altra: vuoi per una nostra distrazione, perché abbiamo altre preoccupazioni per la testa; vuoi per una imprecisione, o sempre per distrazione ma del venditore. Può capitare, non bisogna pensare per forza a un inganno: in ogni caso, evitare che accada ci fa stare sicuramente più tranquilli, oltre a salvarci da un esborso di denaro non dovuto.

 

Storia di un addebito

È successo anche a Gino, e gli è successo, come potrete immaginare, con i pagamenti che sosteneva per l’elettricità. Ce ne siamo accorti noi di Billoo, dal momento che Gino, poco più di un anno fa, ha deciso di scaricare la nostra app incuriosito da quanto avevamo fatto per gli altri nostri clienti. Che cosa era successo? Dalle analisi che abbiamo fatto delle bollette, abbiamo notato che il suo fornitore di energia aveva inserito nel contratto delle voci di costo conteggiate il doppio, erroneamente. Non proprio pochi soldi, alla fine: un ammontare di circa 9€ al mese di surplus, chiaramente non dovuti. In buona sostanza, Gino stava pagando più di quanto consumava a causa di un errore che si è poi rivelato ricorsivo, cioè ripetuto e conteggiato mese dopo mese, fino ad arrivare a un intero anno di contratto: il che significa, facendo la somma, oltre 100€ a suo debito senza che ve ne fosse ragione.

 

Storia di un risparmio

Qui entra in gioco Billoo! Il confronto completo di tutte le bollette di Gino ci ha consentito di scovare l’inghippo e di sottoporlo alla sua attenzione. Ma non basta: è sempre Billoo che, con il consenso di Gino, ha avviato le pratiche con il fornitore di energia elettrica perché fosse riconosciuto sia l’errore, sia un conseguente rimborso di ciò che era stato versato in più. Senza contare che, da ora in avanti, il nostro utente può beneficiare ancora di un controllo puntuale e continuativo su tutte le bollette dei suoi fornitori, per essere sicuro che tutto ciò che corrisponde per i suoi consumi sia corretto.

 

Ci pensa Billoo!

In tanti, come Gino, non si accorgono di addebiti non dovuti in bolletta: pensate che la media delle spese in più è di circa 300€ l’anno. Anche perché, diciamocelo, mettersi seduti a un tavolo a scandagliare ogni voce di costo non è sempre facile e porta via molto tempo. Billoo fa questo per lavoro, sollevandovi da faticose sedute di calcolo e confronto.

Inoltre, registrarsi è davvero semplice! Sul sito Interne, o sulla nuova app, è sufficiente inserire i vostri dati di base, seguiti dall’upload della vostra bolletta più recente insieme alla copia di un vostro documento di identità. In questo modo Billoo potrà mettersi in contatto direttamente con il vostro fornitore e richiedere una copia delle future note di pagamento, in modo tale da costruire una storia delle spese e avere materiale sempre aggiornato per fare i controlli. Ogni informazione sarà condivisa sempre con l’utente e con nessun altro, tutte le bollette saranno sempre disponibili sul profilo e consultabili in ogni momento anche dall’app.

Se non vi sentite di mandarci un vostro documento di identità, non c’è comunque problema! In questo caso, vi basterà caricare ogni mese sul vostro profilo di Billoo la vostra bolletta: il lavoro che noi faremo sarà lo stesso e con la stessa attenzione. Abbiamo però bisogno della vostra costanza: solo analizzando ogni caricamento, bolletta dopo bolletta, potremo capire l’effettivo andamento delle spese, individuando eventuali eccessi ingiustificati e maltolti.